Venti di Maris: I venti anni della cooperativa sociale Ma.Ris 1994-2014

Redazione - 3 Mag 2018 - 11:00
Ascolta l'articolo:

La cooperativa sociale ligure sta per entrare nel 25° anno di attività: online la pubblicazione realizzata da Ames in occasione del ventesimo 

La cooperativa sociale Ma.Ris. si avvia verso il suo venticinquesimo anno di vita con un corpus di associati che supera le 400 unità, 600 occupati in media tra soci e dipendenti e un fatturato prossimo ai 19,5 milioni di euro: valori che la mantengono tra le prime cinque cooperative liguri anche nel 2017, nonostante le difficoltà attraversate nel biennio 2015-2016.

La società fotografata dal libro di Ames, realizzato nel 2014 in occasione del ventesimo anniversario e liberamente scaricabile ora da questa pagina, in tale lasso di tempo ha dovuto infatti delineare, insieme al movimento cooperativo, un processo di ricapitalizzazione a copertura di crediti commerciali divenuti inesigibili, diretta conseguenza del pesante impatto della crisi economica sul territorio di riferimento.   

Il consolidamento patrimoniale si è accompagnato ad una vasta opera di riorganizzazione interna, che ha comportato anche la dismissione di alcuni servizi non più centrali e remunerativi per una cooperativa che opera sin dalla costituzione sui due poli su cui gravita la missione aziendale, “Verso l’individuo, verso la società”: l’inserimento lavorativo e la fornitura di prestazioni socio-assistenziali, binomio di vocazione sociale ed imprenditoriale su cui da quasi due secoli si regge la cooperazione economica.

Rileggere, alla luce della ormai compiuta ristrutturazione societaria, i primi passi della cooperativa nata il 16 marzo 1994 consente di cogliere compiutamente il ruolo di tramite assolto sin qui da Ma.Ris. tra una domanda di inclusione sociale che la crisi economica degli ultimi anni ha drammaticamente accentuato e le trasformazioni economiche e sociali dell’ampio territorio su cui la cooperativa dispiega la propria offerta di servizi.

Ma.Ris. nasceva all’interno dello spazio apertosi dall’approvazione della Legge 381 del 1991, che per la prima volta disciplinava l’attività delle cooperative sociali di tipo A e B (rispettivamente di inclusione sociale e di prestazione di servizi socio-assistenziali): la cooperazione sociale – come ricorda il vicepresidente di Legacoop Liguria e testimone degli esordi Sandro Frega nella prefazione al volume – poteva ora dimostrarsi “impresa vera”, costituire “posti di lavoro veri”, senza per questo snaturarsi.

Dalla solidarietà al mercato, anzi ai mercati, perché nel corso del tempo l’azione della cooperativa è stata rivolta alla creazione di nuova occupazione, prima nell’ambito delle attività di manutenzione e ristrutturazione (da cui l’acronimo del nome Ma.Ris.) e in seguito sapendo cogliere le opportunità derivanti dalla green economy, grazie all’ampliamento della gamma di servizi alla raccolta differenziata, alle pulizie industriali e all’igiene urbana.

Sino alla svolta rappresentata dall’insediamento nel ramo industriale del porto di Genova e l’attivazione di professionalità e competenze nella complessa opera di smantellamento e differenziazione dei materiali che componevano il relitto della “Costa Concordia”, naufragata nel 2013 all’Isola del Giglio e trasportata nel bacino di Genova Prà per lo strip-out propedeutico allo smantellamento dello scafo.

Operazioni di strip-out della Costa Concordia nel porto di Genova Prà, @The Ship Recycling Consortium

La ventennale esperienza di Ma.Ris esemplifica bene anche quel percorso di creazione e sviluppo di impresa capace di tesaurizzare i propri legami sociali e territoriali generando benessere, lavoro e coesione tra le persone.

Un lungo percorso di crescita (dirompente nell’ultimo decennio nel corso del quale la cooperativa ha decuplicato i volumi di fatturato) e di consolidamento, sintetizzato nelle parole del direttore generale Fabrizio Augello nella nascita di una Maris 4.0, che nelle intenzioni dovrà conciliare la valorizzazione del lavoro delle persone con una prospettiva a medio-lungo termine che sappia guardare all’innovazione mantenendo la specificità cooperativa. 

La

Venti di Maris. I venti anni della cooperativa sociale Ma.Ris 1994-2014       

testi a cura di Silvia Compalati 

presentazione di Gianluigi Granero 

prefazione di Sandro Frega 

introduzione di Sebastiano Tringali

166 p., Edizioni Ames, Genova 2015 

Rassegna

Potrebbero interessarti