Le imprese cooperative in Liguria

Stefano Gaggero - 15 Dic 2017 - 10:00
Ascolta l'articolo:

I dati del CSC Liguria sull’impresa cooperativa in Liguria evidenziano la tenuta occupazionale e la prevalenza del lavoro femminile: un dato agli antipodi rispetto al resto delle imprese liguri

La presente indagine, grazie in via principale al database costruito dal Centro studi cooperativi «Danilo Ravera», disegna un ritratto del sistema d’imprese cooperative associate a Legacoop Liguria, ne analizza l’evoluzione storica in questo decennio e lo mette a confronto col mondo complessivo delle cooperative e con la realtà delle imprese regionali.

È possibile evidenziare quattro elementi principali, due dei quali in controtendenza col contesto economico prevalente a livello nazionale.

Il primo dato che resiste alla situazione generale riguarda la prevalenza di donne nel sistema cooperativo come addette, in un sistema economico laddove l’occupazione femminile è ancora arretrata rispetto a quella degli uomini.

Il secondo dato di resistenza riguarda l’attitudine delle imprese cooperative a creare lavoro in uno scenario dove il numero di occupati si è ridotto.

Infine occorre rilevare come le cooperative di Legacoop si distinguano per medie dimensioni e per essere il sistema prevalente di occupazione nell’ambito del mondo cooperativo regionale.

Legacoop Liguria nel 2016-2017

Legacoop Liguria conta 288 imprese cooperative associate al dicembre 2017.

La cifra include imprese cooperative con sede fuori regione e, in quanto soggetti d’impresa, anche una società di mutuo soccorso (la Mutua Ligure) e una associazione (Is.For.Coop). A queste si aggiungono altre associazioni e società di mutuo soccorso che non producono fatturato per un sistema di rappresentanza che conta, nel complesso, 322 adesioni.

La distribuzione geografica nel territorio regionale vede il 45% (129) delle imprese cooperative di Legacoop Liguria concentrate nella città metropolitana di Genova, il 21% (61) nella provincia di Spezia, il 18% (52) a Savona e il 15% (43) a Imperia.

L’ambito di attività prevalente, determinato secondo l’appartenenza di settore, è quello dei servizi alle imprese, che conta 98 cooperative pari al 34% del totale.

Il secondo segmento per rilevanza numerica dell’imprese è quello dei servizi sociali, che indice per un quarto del numero totale con 71 imprese.

Infine, con 26 imprese pari al 9% del totale si trovano le cooperative dell’agroalimentare e le cooperative di abitanti. Con le cooperative della pesca, le imprese attive nel settore primario sono il 16% di tutte le associate a Legacoop Liguria.

A livello provinciale, il settore dei servizi alle imprese e quello dei servizi sociali sono sempre i più rilevanti, con incidenza variabile. La Città Metropolitana di Genova conta più della metà di tutte le cooperative dei servizi sociali, che pesano il 28% di tutte le imprese associate nel territorio. In provincia di Imperia, le cooperative dell’agroalimentare e della pesca arrivano a contare il 37% di tutte le imprese.

A Genova si collocano l’unica cooperativa di costruzioni e i due terzi di tutte le cooperative manifatturiere; operano invece alla Spezia tutte le cooperative impiantistiche.

Le imprese di Legacoop Liguria contano poco meno di 16 mila addetti, di cui il 56% sono dipendenti e il restante 44% soci lavoratori.

La distribuzione geografica ricalca grossomodo quella delle imprese: il 45% (7.124) degli addetti lavora a Genova, il 21% (3.247) a Savona, il 19% (2.933) alla Spezia e il 15% (2.395) a Imperia.

Il tasso di soci lavoratori è sopra il dato regionale nelle provincie della Spezia (46%) e Savona (47%).

La dimensione media delle imprese a livello regionale è di 50 addetti per cooperativa. Secondo la classificazione delle imprese, il requisito minimo di dipendenti per definire una media impresa è esattamente di 50 dipendenti. Il valore regionale è piuttosto variabile tra le province. Le imprese del savonese sono mediamente più grandi di un terzo rispetto alla dimensione regionale (68 addetti per cooperativa), mentre le imprese imperiesi sono mediamente più piccole di un quinto (41 addetti).

Le imprese appartenenti a Legacoop Liguria occupano addette per i tre quinti e addetti per i due quinti. È quasi un dato agli antipodi della situazione occupazionale regionale, che invece conta appena il 43% di lavoratrici contro il 57% di lavoratori (ISTAT, 2016). Mentre la distribuzione per genere tra i soci lavoratori è equilibrata (52% donne e 48% uomini), nell’insieme dei dipendenti lavorano due donne ogni uomo.

Il fatturato nel 2016 ha raggiunto 1.545 milioni di euro in tutta la Liguria, di cui 650 a Genova (42% del totale), 333 alla Spezia (22%), 322 a Savona (21%) e 240 a Imperia (16%).

Infine, il dato sui soci completa il ritratto. Il sistema Legacoop affilia 574 mila soci, quasi il 40% della popolazione regionale. Il numero di soci è composto per il 58% di donne, in coerenza con gli altri dati sulla partecipazione cooperativa.

Evoluzione storica di Legacoop Liguria tra il 2010 e il 2016

Il database del Centro Studi, costruito sui dati di Legacoop Liguria, ci permette di ricostruire una serie storica fino all’inizio di questo decennio. Purtroppo, la storicità dei dati disponibili non consente al momento una ricostruzione fino almeno al biennio 2006-2007, in modo da poter svolgere dei paragoni rispetto alla situazione antecedente alla grande recessione. Il periodo sul quale possiamo concentrare le nostre riflessioni è in ogni caso adeguatamente ampio.

Innanzitutto, possiamo ricostruire il numero d’imprese cooperative affiliate al movimento. Sono in evidenza due periodi: tra il 2010 e il 2012 il numero di cooperative aderenti si è ridotto rapidamente, scendendo da 391 a 305, per un calo del 22%; nel quadriennio successivo, il numero d’imprese si è stabilizzato.

Al diminuire del numero d’imprese è corrisposto un aumento del numero di lavoratori. Infatti, l’evoluzione degli addetti (che, ricordiamo, è la somma tra dipendenti e soci lavoratori) ha seguito una curva opposta. A parte un rilevante picco nel 2012 (che segna il massimo della serie storica, con 22 mila addetti), il numero al 2016 (16 mila) è del 18% superiore al 2010 (13 mila).

È un aumento rilevante in termini relativi e assoluti e in controtendenza col dato regionale dell’occupazione. Nello stesso periodo, secondo l’ISTAT, il numero di occupati in Liguria è diminuito da 624 mila a 610 mila, cioè 14 mila lavoratrici e lavoratori in meno per una contrazione del 2%.

Nel tempo è aumentata la dimensione delle imprese, dai 34 addetti per cooperativa del 2010 ai 50 del 2016. In sette anni le imprese cooperative di Legacoop Liguria sono diventate più grandi della metà.

Da ultimo abbiamo il dato sul fatturato. Come in precedenza, anche qui la serie storica sconta il picco del 2012, al netto del quale l’evoluzione è positiva. Rispetto al 2010, infatti, le cooperative fatturano complessivamente 59 milioni di euro in più, per un incremento del 4%.

Legacoop Liguria e il sistema cooperativo in generale

Legacoop riunisce in sé solo una parte del sistema cooperativo regionale. A sua volta, assieme a Confcooperative e ad AGCI–Associazione generale cooperative italiane aderisce ad ACI–Alleanza delle cooperative italiane. Oltre alle cooperative affiliate al sistema ACI, altre operano in modo indipendente e sono direttamente rilevabili dal registro delle imprese. È quindi d’interesse misurare il contributo di Legacoop al mondo cooperativo in generale.

Come sempre, prendiamo avvio dal numero di imprese aderenti. Per la lettura della tabella, bisogna tenere presente che a fini di comparabilità col dato complessivo ACI anche l’indicatore riferito a Legacoop include tutte le affiliazioni, quindi anche 29 società di mutuo soccorso e associazioni che non sono soggetti d’impresa; questo crea una trascurabile discrepanza col dato del registro delle imprese che, al contrario, come si deduce dal nome, tiene conto solo delle attività imprenditoriali (e noi misuriamo le imprese attive, non quelle registrate che sono di più). Si deve anche precisare che i dati riproducono insiemi progressivamente più ampi: ACI include Legacoop e il registro delle imprese include ACI.

Con le sue 340 associate Legacoop rappresenta il 23% di tutte le cooperative registrate e attive in Liguria (1448) e il 35% di quelle appartenenti al sistema ACI (958).

Come abbiamo visto, le cooperative di Legacoop rientrano d’un soffio nella classe delle medie imprese per numero di addetti. Le loro dimensioni fanno sì che le imprese cooperative affiliate a Legacoop occupino il 53% di tutti gli addetti delle cooperative attive in Liguria e il 64% degli addetti ACI.

I dati disponibili ci permettono anche di comparare i volumi di fatturato all’interno dell’Alleanza delle cooperative. Sotto questo aspetto, all’ultimo anno disponibile che è il 2015, le cooperative Legacoop fatturano i quattro quinti del valore complessivo di ACI.

Legacoop Liguria e il sistema delle imprese in generale

Il quadro può essere completato con un raffronto del sistema Legacoop Liguria con la realtà di tutte le imprese attive in Liguria. Per svolgere confronti anche sul numero di addetti ci siamo rivolti a EUROSTAT, in questo modo, però, la serie è più corta di un anno e si chiude col 2015.

I primi due grafici confrontano l’evoluzione di Legacoop con l’evoluzione di tutte le imprese sul 2010, che è preso come anno di riferimento e posto a 100. Il numero secco d’imprese è diminuito, sia per Legacoop, come abbiamo già visto, sia in generale. Nel 2015 le cooperative affiliate a Legacoop sono il 78% del 2010; le imprese attive in Liguria sono il 94%. Le imprese di Legacoop sono diminuite in modo più brusco, ma il loro numero si è anche stabilizzato nell’ultimo triennio. La contrazione delle imprese generali è stata molto meno repentina, ma segue una tendenza costante alla riduzione.

L’andamento del numero di addetti è, anche in questo caso, opposto. Fatto 100 il 2010, nel 2015 le cooperative di Legacoop occupano 120 addetti, al contrario tutte le imprese ne occupano 90. Questo dato, quindi, rafforza l’impressione sull’attitudine delle imprese cooperative a creare occupazione in fasi di crisi.

Concludiamo con una misura dell’impatto occupazione delle cooperative aderenti a Legacoop Liguria sul totale di tutti gli addetti alle imprese attive in Liguria. Per i motivi che abbiamo già visto, il tasso d’incidenza è cresciuto nel tempo: se nel 2010 il 3% di tutti gli addetti lavorava per un’impresa cooperativa Legacoop, nel 2015 la percentuale si attesta al 3,9.

FONTI: ISTAT, EUROSTAT, Unioncamere Liguria, Ufficio Studi ACI-Alleanza delle Cooperative Italiane, Legacoop Liguria, CSC Liguria

si ringrazia Giovanna Pizzi dell’Ufficio Statistica e Studi di Unioncamere Liguria

gli altri articoli di Stefano Gaggero: 

La società dei vulnerabili: povertà e famiglie in Liguria (14 novembre 2017)

La Liguria negli anni della crisi: la popolazione (21 novembre 2017)

Potrebbero interessarti