Il turismo sostenibile per lo sviluppo della #Liguria: gli atti online

Redazione - 18 Nov 2017 - 8:46
Ascolta l'articolo:

Presentati alla Bitac gli atti del convegno promosso da Asvis e CRU Liguria pubblicati da Ames-CSC Liguria

L’edizione 2017 della Bitac, la Borsa Italiana del Turismo Cooperativo e Associativo, tenutasi a Genova il 16 e 17 novembre presso Palazzo Ducale e Palazzo dell’ex Borsa Valori, ha ospitato la presentazione degli atti della giornata di studi Il Turismo sostenibile per lo sviluppo della #Liguria, promossa lo scorso maggio dall’Asvis Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile e dal CRU Unipol Liguria nell’ambito del Festival Italiano dello Sviluppo e del Turismo Sostenibile.

La pubblicazione – curata da CSC Liguria e Ames e liberamente scaricabile da questa pagina –  contiene gli interventi integrali dei dirigenti delle Associazioni rappresentate nei Consigli Regionali Unipol, i quali nel corso della presentazione (ospitata all’interno dello spazio Smartic, Sviluppo marchio territoriale identità culturale della Bitac), hanno illustrato le potenzialità e i progetti futuri del turismo sostenibile sul nostro territorio.

Luisa Puppo per CNA Liguria, Andrea Dameri, direttore Confesercenti Liguria e Gianluigi Granero, presidente di Legacoop Liguria e del CRU locale, hanno sottolineato come la sostenibilità in ambito turistico non rappresenti un vincolo, ma una opportunità per una regione che nell’entroterra e nei borghi deve ritrovare valori, opportunità di imprenditoria e di occupazione con il sostegno di tutte le categorie.

Gli elementi per puntare sulla sostenibilità turistica non mancano. In Liguria sono attive una trentina di cooperative impegnate da anni nella gestione di beni culturali minori e nell’elaborazione di itinerari alternativi alle mete tradizionali e più frequentate. 

Ed esistono imprese già attive nella filiera agroalimentare e nella progettazione di percorsi informativi e formativi (le Vie Artigiane di CNA e Ligucibario), convinte che attraverso l’artigianato agroalimentare, legato alla lavorazione dell’ardesia, della filigrana, del vetro e della ceramica, si possano proporre molte altre ricchezze di natura storico-culturale-architettonica, elementi del ricco patrimonio immateriale della regione. 

Infine le forme di ricettività innovative e a basso impatto, fondate sui presupposti di rigenerazione rurale e urbana e su modelli di accoglienza diffusa e coerente con i principi di sostenibilità, per le quali nella nostra regione esistono ampi margini di crescita.

Scarica gratuitamente la pubblicazione Il turismo sostenibile per lo sviluppo della #Liguria

Per richiedere la copia in formato cartaceo, scrivi a: associazione.ames@libero.it

IL TURISMO SOSTENIBILE PER LO SVILUPPO
DELLA #LIGURIA
Atti della Giornata di Studi
29 maggio 2017 | Camera di Commercio di Genova |
Palazzo Tobia Pallavicino

edizioni Ames-CSC Liguria ottobre 2017

Indice

PresentazioneTurismo sostenibile, carta in più della Liguria di Gianluigi Granero

Interventi introduttiviRenata Briano – Vice presidente della Commissione Pesca del Parlamento europeo | Gianluigi Granero – Presidente Legacoop Liguria e Presidente CRU Liguria | Maurizio Caviglia – Segretario Generale della Camera di Commercio di Genova

Contributi 

Fabio Servidei – Rappresentante Sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil

Davide Virzi – Vice presidente della cooperativa Dafne

Roberto Costa – Coordinatore Liguria Federparchi ed Europarc

Ivano Moscamora – Direttore CIA Liguria

Luisa Puppo – Responsabile del progetto Le Vie Artigiane di CNA Liguria

Caterina Natale – Presidente della cooperativa Turismo sostenibile Cinque Terre

Massimo Gottifredi – Vicepresidente nazionale con delega al Turismo Legacoop CulTurMedia

Tavola rotonda

Pierluigi Stefanini – Presidente Gruppo Unipol | Santo Grammatico – Presidente di Legambiente Liguria | Carlo Fidanza- Commissario straordinario Agenzia in Liguria | Andrea Zanini – Coordinatore del Corso di laurea in Scienze del Turismo dell’Università di Genova | Andrea Dameri – Direttore Confesercenti Liguria | Conclusioni di Pierluigi Stefanini. 

Potrebbero interessarti